SHAVUOT 5781

SHAVUOT 5781

Shavuot – La festa del dono della Torah
La parola Shavuot significa “settimane”. Celebra il completamento del periodo di conteggio di sette settimane dell’Omer tra la Pasqua ebraica e Shavuot.

La Torah fu data da Dio al popolo ebraico sul Monte Sinai a Shavuot più di 3.300 anni fa. Ogni anno, durante la festa di Shavuot rinnoviamo la nostra accettazione del dono della Torah sul monte Sinai. Il dono della Torah è stato un evento spirituale di vasta portata, che ha toccato l’essenza dell’anima ebraica per tutti i tempi. I nostri saggi l’hanno paragonato a un matrimonio tra Dio e il popolo ebraico. Shavuot significa anche “giuramenti”, poiché in questo giorno Dio ci ha giurato devozione eterna e noi a nostra volta Gli abbiamo promesso lealtà eterna. Scopri di più sul dono della Torah e su cosa significa per noi oggi. Come si celebra Shavuot?
Donne e ragazze accendono due candele per inaugurare la festa.
È consuetudine rimanere svegli tutta la notte per imparare la Torah la prima notte di Shavuot.
Tutti gli uomini, le donne e i bambini dovrebbero andare alla sinagoga per ascoltare la lettura dei Dieci Comandamenti il ​​primo giorno di Shavuot.
Come nelle altre festività, vengono consumati pasti speciali e non si può svolgere alcun “lavoro”. consuetudine mangiare latticini a Shavuot. Motivi per cui mangiamo latticini a Shavuot
Ci sono una serie di ragioni per questa usanza. Eccone alcuni:

Durante la festa di Shavuot, nel tempio veniva portata un’offerta di pane a due pagnotte . Per commemorare questo, mangiamo due pasti a Shavuot: prima un pasto a base di latticini e poi, dopo una breve pausa, mangiamo il tradizionale pasto di carne festivo.
Con la consegna della Torah , gli ebrei furono obbligati a osservare le leggi kosher . Poiché la Torah veniva data durante lo Shabbat , nessun bestiame poteva essere macellato né gli utensili potevano essere kasher, e così quel giorno mangiarono latticini. Ulteriori informazioni sul processo kosher.
La Torah è paragonata al latte nutriente. Inoltre, la parola ebraica per latte è chalav , e quando i valori numerici di ciascuna delle lettere nella parola chalav vengono sommati, 8 + 30 + 2, il totale è quaranta. Quaranta è il numero di giorni che Mosè trascorse sul monte Sinai quando ricevette la Torah.
Quando Mosè ascese al Monte Sinai, gli angeli esortarono Dio a riconsiderare la Sua decisione di dare la Sua preziosissima Torah agli esseri terreni. “Concedi la tua maestà ai cieli. . . Che cos’è l’uomo che dovresti ricordarti di lui e il figlio dell’uomo che dovresti ricordarlo? ” ( Salmi 8: 5 -7). Uno dei motivi per cui la richiesta degli angeli è rimasta inascoltata è a causa della meticolosa aderenza degli ebrei alle leggi della Torah, comprese le leggi kosher . Non così gli angeli, che durante la visita ad Abramo consumavano burro e latte insieme alla carne ( Genesi 18: 8) . A Shavuot mangiamo quindi latticini e poi facciamo una pausa prima di mangiare carne, per dimostrare il nostro impegno in questo mitzvah . Durante il pasto festivo, è anche opportuno bere vino, che contribuisce al carattere festoso del pasto.

Album Shavuot in tutto il mondo 5781

Comments

comments

danielladesigned@gmail.com