LINGUE EBRAICHE

LINGUE EBRAICHE

Il Midrash elenca quattro motivi per cui ai figli di Israele è stato permesso di lasciare l’Egitto, uno dI questi è che non hanno cambiato la loro lingua. La conservazione della lingua unica ha rafforzato per generazioni il legame tra gli ebrei ovunque si trovassero. Ha distinto gli ebrei e ha creato una sorta di cuscinetto che separava le pecore dai settanta lupi che lo circondavano.

Delle lingue ebraiche usate dagli ebrei per generazioni, si conoscono le lingue yiddish e ladino. Ma sorprendentemente, si scopre che durante il lungo esilio, il popolo ebraico usava dozzine di lingue diverse, molte delle quali alla fine si estinsero.

Arabo ebraico : l’ arabo ebraico è una lingua di grande valore storico ebraico. Molti libri di base sono stati scritti in questa lingua, inclusi i libri di Maimonide: “La guida del ribelle”, “Sefer Hamitzvot”, ecc.

Questa lingua ha sostituito l’aramaico ed è stata con noi sin dai tempi dei Geonim. Gli ebrei di tutto il mondo parlavano la lingua, che è principalmente l’arabo, ma è anche intrecciata con la lingua sacra e l’aramaico. La lingua arabo-ebraica era scritta in lettere ebraiche. Questa lingua era estremamente popolare fino a circa un secolo fa.

Con il francese che divenne la lingua dominante in molti paesi arabi e in seguito alla partenza degli ebrei da questi paesi, la lingua si estinse rapidamente. Ora vengono compiuti molti sforzi per preservarlo e trasmetterlo alle generazioni future.

Yiddish – Questa è la lingua che probabilmente è sopravvissuta più a lungo di tutte le altre antiche lingue ebraiche. Ha avuto origine, probabilmente poco più di 1000 anni fa, ed è stato parlato tra gli ebrei ashkenaziti. Negli anni, con l’espansione della comunità ebraica in tutta Europa, si è suddivisa in diversi dialetti che hanno caratterizzato le diverse comunità.

Ladino– Origine della lingua ladina, localizzata da qualche parte in Spagna prima dell’espulsione. Negli anni in cui la comunità ebraica fiorì e divenne uno dei più grandi centri culturali del mondo, all’interno della comunità ebraica si formò una lingua unica, basata sullo spagnolo ma incorporata anche la lingua sacra e l’aramaico. L’espulsione dalla Spagna non fermò il ladino, lo fece diffondere in altre zone. Nel corso degli anni, molte comunità ebraiche in tutto il mondo, comprese le comunità ebraiche in Turchia, Grecia, Bulgaria e molte altre, si sono unite al gruppo di lingua ladina ed è diventata una delle lingue ebraiche più famose. Negli anni, soprattutto dopo la distruzione delle comunità durante le guerre mondiali e anche dopo l’immigrazione del residuo che vi è rimasto, la lingua si è quasi estinta. Negli ultimi anni è emerso un movimento degli ultimi parlanti della lingua e dei loro discendenti, che si sono adoperati in vari territori per promuovere il loro status e “ravvivare” la speciale lingua ebraica.

Ebreo provenzale – Ebreo provenzale , chiamato anche “Shoadit”, era la lingua degli ebrei di Francia che vivevano nella regione della Provenza del paese. La lingua è stata preservata per circa 700 anni ei suoi parlanti sono diventati più rari nel tempo. L’ultimo oratore è stato un ebreo di nome Armand Lonel, morto circa 45 anni fa.

Comments

comments

Avatar
Chaya Castillo
chaya@shavei.org